le bellezze storico architettoniche della diocesi

per conoscere, apprezzare e visitare i beni che ci circondano

contattaCI

Scatti Fotografici

Progetto ArianoSacra

Obiettivo:diffusione della cultura

Il portale vuole essere un mezzo, un tramite attraverso il quale ogni utente potrà conoscere gli immensi tesori che la Diocesi è in grado di offrire, il tutto attraverso numerosi itinerari progettati a secondo delle esigenze e dell'età del visitatore. Online si potrà avere un anticipo di ciò che si potrà visitare materialmente, conoscere la storia e scaricare materiale informantivo e in più essere informati sulle numerose iniziative che si terranno nel corso dell'anno.

La Diocesi

La città di Ariano, in provincia di Avellino, sorge su tre colli dello spartiacque tra il bacino dell'Ufita e del Cervaro. Nella seconda metà del X secolo, la geografia ecclesiastica dell'Italia meridionale, subì profondi mutamenti con l'istituzione delle metropolie: Capua (966), Benevento (969), Salerno (983), Amalfi (987), e con il sorgere di alcune diocesi. Il 26 maggio 969, papa Giovanni XIII assegnava alla metropolia di Benevento ventiquattro diocesi, tra queste Ariano. Dalle relazioni delle prime visite pastorali del XVI secolo e dalle platee, risulta costante l'elenco dei paesi e delle parrocchie che il vescovo visitava: Ariano, Bonito, Buonalbergo, Casalbore, Castelfranco, ecc. A seguito dell'accordo di revisione del concordato stipulato tra la Santa Sede e il governo italiano il 18 febbraio 1984 e in applicazione delle norme circa gli enti e i benefici ecclesiastici, la Santa Sede ha unito le diocesi di Lacedonia e di Ariano Irpino in data 30 settembre 1986. Oggi la dicesi, retta dal Vescovo Giovanni D'Alise, abbraccia ventiquattro comuni, con una popolazione complessiva di oltre sessantamila abitanti.

 

 

 

Saluti del Vescovo

  • Sergio Melillo, Vescovo

     

     

     

    ...in quest’orizzonte schiacciato dobbiamo intraprendere un percorso con stile apostolico. La Chiesa vive così tra contingenze della vita che la fanno amare ancor di più e ne sono la evidente dimostrazione i semi della Grazia che fioriscono nei nostri territori. Le opere d’arte i manufatti liturgici sono un patrimonio unico che parla con concreta bellezza anche al distratto viandante d’oggi immerso in un mondo reso troppo virtuale.
  • Promuovere & Valorizzare

    Il patrimonio culturale che ci circonda, in particolare quello della Chiesa, a volte, specialmente nei nostri territori non viene valorizzato in modo appropriato, con questo portale cercheremo di farlo !

 

Inizio Pagina